Prova dashcam Vicovation Opia2

0

Provata per VOI:

dashcam Opia2 VicoVation

2K-Quad HD 1440p

dashcam opia2

dashcam Opia2

Grazie all’interessamento diretto del fabbricante che mi ha fornito un campione per i test, è disponibile la prova completa della dashcam Opia2. Il fabbricante è VicoVation (www.vicovation.com), un produttore di dashcam di Taiwan, famoso nel mondo, che assembla questi prodotti direttamente in Cina e li esporta in tutto il mondo; in questa prova analizzerò le qualità, le caratteristiche, gli aspetti positivi e quelli critici di questo modello, che rappresenta un top di gamma per funzioni, qualità e prezzo (fascia premium) nel mondo delle dashcam per auto, in particolare per la sua risoluzione 1440p, cioè 2K-Quad HD, disponibile solo in pochissimi modelli equipaggiati con il famoso processore Ambarella A12.
Cercherò di illustrare in modo semplice le caratteristiche di questa dash cam a singolo obiettivo.

Caratteristiche principali:

  • dimensioni compatte: 5,3 cm x 7,2 cm x3,3 cm (L x H x P)
  • risoluzione video max.: alta definizione 2K-Quad HD 1440p
  • obiettivo grandangolare 160°
  • display LCD 2″
  • funzione WIFI non disponibile
  • funzione GPS logger esterna con gps mouse (accessorio a pagamento)
  • memoria SD max 128 GB
  • fissaggio con supporti biadesivi al parabrezza disponibile
  • fissaggio con ventosa al parabrezza disponibile
  • telecamera posteriore non disponibile
  • batteria interna non presente (presente condensatore)
  • prezzo stimato: 250-300 Euro
  • programma visualizzazione Vico-Player

Caratteristiche:

per chi è adatta

Questo modello di dash cam è adatto per chi:

  • vuole una dash cam di dimensioni compatte, da fissare sul parabrezza in modo stabile tramite il supporto biadesivo oppure in modo smontabile tramite il supporto a ventosa in dotazione
  • vuole una telecamera non molto visibile (a patto di non montare la lente CPL Filter)
  • vuole poter registrare quanto accade davanti al veicolo
  • vuole una elevata risoluzione video.

Rispetto ad altri modelli di dashcam si apprezza l’elevata cura del fabbricante Vicovation nel realizzare il prodotto e l’imballaggio, curati e precisi.

confezione

dashcam Opia2 scatola esterna

dashcam Opia2: scatola esterna

La dashcam Opia2 è fornita in una scatola di colore verde acqua e nero, molto ben costruita, con apertura scorrevole laterale molto “suggestiva” che porta ad una seconda confezione in cui è presente una finestra dove si vede la dashcam Opia2 dal lato display, mentre nella parte sottostante sono stati posizionati gli accessori di serie.

dashcam Opia2 interno confezione molto curato

dashcam Opia2: interno confezione molto curato

Rimossa la copertura in cartoncino, all’interno trovano posto il manuale di uso, il cavo di alimentazione con presa accendisigari 12/24 V, il supporto biadesivo ed il supporto a ventosa, il supporto per la lente CPL la lente è un accessorio opzionale). La scheda di memoria non viene fornita.

dashcam Opia2: confezione ben realizzata

dashcam Opia2: confezione ben realizzata

Dal punto di vista estetico, come dicevo, la qualità della scatola è davvero elevata (la migliore tra le confezioni), mentre dal punto di vista tecnico-normativo si evidenziano alcune evidenti difformità:

  1. assenza completa di informazioni in lingua italiana, per cui si deve conoscere l’inglese per poter comprendere e capire la descrizione del prodotto; anche il manuale di uso è disponibili solo in lingua inglese
  2. marcatura CE ed il simbolo del bidone sbarrato (RAEE), che contraddistingue le apparecchiature che non devono essere smaltite con i comuni rifiuti dell’ufficio o domestici, di dimensioni non conformi a quanto previsto dalle attuali direttive comunitarie.

Sentito in merito direttamente il fabbricante VicoVation. questo aspetto non è stato preso in considerazione perchè ad oggi non esiste un suo importatore ufficiale in Italia; qualora ci fosse presumo dovrà essere preso sicuramente in considerazione, anche perchè è un preciso obbligo di legge (“Codice del Consumo”, direttiva EMC e D.Lvo RAEE).

aspetto e qualità dei materiali

L’involucro esterno della dashcam, di colore nero opaco, si presenta di buona fattura, con finiture curate; nonostante una evidente cura nell’assemblaggio, sono presenti però viti a vista sulla parte superiore.

dashcam Opia2 vista frontale e posteriore

dashcam Opia2: vista frontale e posteriore

Piacevole alla vista la finitura della parte posteriore della telecamera, lucida con la presenza di 5 pulsanti, di cui quello per la funzione “emergenza” ben visibile perchè arancione.
L’unica critica riguarda i pulsanti, troppo vicini tra loro e con il rischio di premere accidentalmente un pulsante al posto dell’altro.
Particolare la modalità di fissaggio del supporto alla dashcam a binario scorrevole: si inserisce il supporto e si fa scorrere fino all’arresto; lo sgancio è un po’ più complicato perchè richiede più attenzione per evitare di danneggiare la linguetta di fermo del supporto.

dashcam Opia2: supporto con binario scorrevole

dashcam Opia2: supporto con binario scorrevole

Dal punto di vista tecnico-normativo si evidenziano la presenza dell’etichetta del prodotto (product label) con riportato il numero seriale del prodotto (che compare anche all’esterno della confezione, come previsto dalle norme) ma anche di alcune evidenti imprecisioni nella stessa:

  1. marcatura CE di proporzioni irregolari e dimensioni inferiori a quelle previste per legge (sia nel corpo della telecamera che nella confezione)
  2. marcatura RAEE (in inglese WEEE) di dimensioni inferiori rispetto a quelle previste per legge (sia nel corpo della telecamera che nella confezione)
dashcam Opia2: marcatura CE e RAEE da sistemare

dashcam Opia2:
marcatura CE e WEEE da sistemare

Sempre a livello normativo si segnala come questa dashcam sia conforme alla vecchia direttiva EMC 2004/108/CE, ora abrogata, mentre attualmente la direttiva di riferimento EMC è la 2014/30/UE; detto aspetto non rappresenta un problema purchè si tratti di prodotto immesso sul mercato anteriormente al 20.04.2016, come previsto dalla direttiva EMC 2014/30/UE al paragrafo 43 “Disposizioni transitorie”.

dimensioni e montaggio

Questa telecamera è adatta per tutti i veicoli che dispongono di un parabrezza; il fissaggio può avvenire sia con biadesivo direttamente sul vetro oppure con ventosa; in questo caso la dashcam è completamente smontabile dal veicolo.
La regolazione del campo visivo della dashcam Opia2 è facile ed intuitiva: è sufficiente accendere la telecamera e, dopo aver allentato la ghiera del supporto, procedere alla regolazione finchè non si trova la posizione corretta. Il GPS logger è esterno, disponibile come accessorio ma merita un discorso a parte (privo di conformità alla direttiva europea RTTE).

dashcam Opia2: montaggio sul parabrezza

dashcam Opia2:
montaggio sul parabrezza

accessorio a pagamento: filtro polarizzato (CPL Filter)

dashcam Opia2: filtro polarizzato CPL

dashcam Opia2: filtro polarizzato CPL

La dashcam Opia2 è forse l’unica dashcam 2K-QHD che può montare, come accessorio opzionale, un filtro polarizzato CPL, per migliorare la qualità video in caso di luce molto intensa e con riflessi molto fastidiosi.
Nel corso della mia prova, svolta tra novembre e dicembre, caratterizzata da giornate con nuvole o con poca luce, il filtro polarizzato non è stato utilizzato poichè riduceva la luminosità dei filmati, rendendo i video più scuri mentre se la stessa prova fosse stata compiuta a luglio od agosto, allora sarebbe stato molto utile.

Ma a cosa serve il filtro polarizzato?

Serve per ridurre la luce polarizzata, cioè quella luce riflessa da molte superfici non metalliche, quali sgradevoli riflessi sulle superfici del parabrezza; beninteso che non si elimina completamente il riflesso ma si può ottenere sicuramente un vantaggio.

Come si installa il filtro polarizzato?

Di serie nella confezione della dashcam Opia2 è fornito il supporto per il filtro CPL; è sufficiente avvitare la lente polarizzata sulla ghiera del supporto e montarlo sul corpo della telecamera: esteticamente, dato il diametro di 53 mm, la dashcam perde in estetica, diventa molto più visibile ma guadagna nella stagione estiva in qualità del filmato.

dashcam Opia2: supporto per filtro CPL

dashcam Opia2: supporto per filtro CPL

Quanto costa il filtro polarizzato CPL?

Verificando in altri paesi europei (perchè in Italia non c’è un importatore ufficiale del fabbricante VicoVation),  il costo del filtro CPL si attesta tra circa 30-35 Euro, un prezzo non certo economico ma che, per alcuni luoghi molto illuminati della Penisola, può valere la spesa.

tecnologia

La dashcam Opia2 si contraddistingue dal punto di vista tecnologico per 2 aspetti:

  1. la risoluzione video
  2. l’alimentazione
risoluzione video

Questa dashcam monta un sensore CMOS da 4 Mpx, abbinato ad un grandangolare da 160°.
Si tratta di componenti dalle ottime prestazioni, che abbinate al chipset Ambarella A12 consentono di ottenere una risoluzione massima 2K-Quad HD 1440p a 30 fps, anche con tecnologia HDR.
Finora solo le dashcam DAB201 e DAB205, provate nelle precedenti recensioni, arrivavano a questa elevata risoluzione 2K.
La qualità del filmato in 2K-Quad HD della dashcam Opia2 è molto buona in particolare di giorno, mentre di sera/notte, come per tutte le telecamere, la qualità video è inferiore, garantendo comunque una piena visione dell’ambiente circostante.
Per contro una così elevata risoluzione si traduce in un “consumo” elevato di memoria: oltre 170 MB/minuto, che significa oltre 10 GB di memoria per ora di registrazione; per fortuna questa dashcam Opia2 supporta la funzione Time Lapse per ridurre il consumo di memoria, come vedremo successivamente.
Un tale consumo di memoria si traduce anche in un’usura maggiore della scheda di memoria: il fabbricante VicoVation raccomanda di utilizzare schede di memoria classe 10 di tipo TLC (Triple Level Cell), sostituendole periodicamente.

alimentazione

Questa dashcam non utilizza una batteria tampone interna ma un condensatore, che conferisce un’autonomia di circa un secondo alla dashcam per spegnersi regolarmente in caso di mancanza di alimentazione. Ne consegue che, ad esempio, per i veicoli privi di presa accendisigari sempre in tensione, non è ammesso il funzionamento quando l’auto è in sosta.
Come fare allora?
Per utilizzare la dashcam Opia2 in questo caso si ricorre all’accessorio opzionale Vico-Power Plus (del costo di circa 70 Euro), una centralina da collegare al veicolo che fornisce tensione ed alimentazione alla dashcam quando il veicolo è in sosta. Vedremo più avanti le caratteristiche di questo accessorio, di fatto quasi indispensabile per poter utilizzare sempre questa dashcam.

Proprio quando il veicolo è in sosta si può sfruttare la funzione “Smart Parking Surveillance” che si attiva dopo che il G-Sensor non ha rilevato movimenti per 5 minuti: consente di mantenere in standby la telecamera attivandola solo in presenza di urti e movimenti (“Smart Motion Detection”) oppure di attivare la funzione “Smart Time Lapse Video”, riducendo la frequenza di cattura a 1 fotogramma per secondo/10 secondi/1 min.
Quest’ultima soluzione è molto utile perchè consente un notevole risparmio di memoria con veicolo in sosta, ma presenta un’evidente criticità sulla dashcam Opia2: una volta attivata continua a registrare a frequenza ridotta anche in presenza di movimenti vicino al veicolo, non modificando invece la frequenza per ritornare a 30 fps, che sarebbe da preferirsi: un soggetto o un’auto che si avvicinano pericolosamente  al veicolo è opportuno che venga registrato con più fotogrammi possibili, mentre con questa funzione potremo avere solo al massimo 1 fotogramma per secondo; l’anno scorso avevo testato la dashcam G90C (clicca qui), un modello Super HD 1296p con la funzione Time Lapse “intelligente” che modificava la frequenza di cattura anche in base al movimento di oggetti vicino al veicolo: senza movimenti registrava ad es. a 2-5 fps mentre in presenza di movimenti ritornava a 30 fps, permettendo di registrare ad elevata frequenza proprio quando serve.
La funzione “Smart Motion Detection” funziona in maniera del tutto simile al motion detection: in presenza di soggetti in movimento vicino al veicolo registra, salvo fermarsi quando non ci sono più movimenti.
Quando poi il veicolo viene nuovamente riavviato la funzione “Smart Parking Surveillance” si disattiva automaticamente tornando alla modalità registrazione normale.

qualità dei filmati

Da segnalare come l’angolo di ripresa sia di 160° consenta una ripresa di qualità, garantendo una buona copertura della parte anteriore del veicolo, dove è maggiore il rischio di incidente.
La distorsione delle immagini dovuta al grandangolo (c.d. effetto “fisheye”) risulta molto ridotta e comunque tale da garantire immagini di qualità.

Per la visualizzazione dei filmati registrati con la dashcam Opia2 il fabbricante VicoVation fornisce, scaricabile dal proprio sito www.vicovation.com il software Vico Player che permette la riproduzione dei filmati oltre a poter salvare delle eventuali immagini istantanee.

Vico Player programma visualizzazione dashcam Opia2

Vico Player:
programma visualizzazione
filmati dashcam Opia2

Il programma è semplice e facile da utilizzare da chiunque: non consente però di zoomare durante la riproduzione dei filmati per verificare alcuni particolari e presenta un errore nell’indicazione dell’unità di misura della velocità, indicata con “KPH” mentre per il Sistema Internazionale deve essere indicata con “km/h”.
Dato il formato dei file (.mp4 per il video, .nmea per il log del gps) ho utilizzato anche il programma gratuito Registrator Viewer per la visualizzazione del filmato, che consiglio: viene riprodotto correttamente il filmato, c’è possibilità di zoomare dinamicamente, di scorrere fotogramma per fotogramma e vengono riportati anche i dati relativi di geolocalizzazione e velocità del veicolo (perchè per i test ho utilizzato anche il gps logger, che però merita un discorso a parte).

Di seguito trovare alcuni video di breve durata per mostrare come si comporta “realmente” la dashcam Opia2 di VicoVation; le prove si sono svolte tra l’altro nel periodo tardo autunno, con condizioni meteo di luce meno intensa, anche talvolta con nebbia; vista la qualità dei componenti ed il prezzo “premium”, volendo trovare “il pelo nell’uovo” mi sarei aspettato una qualità video leggermente migliore (sia chiaro una cosa: stiamo parlando di qualità video superiori, di prodotti “premium” non certo paragonabili a quelle di dashcam da 50-100 Euro, stiamo parlando di prodotti tecnologicamente avanzati, con qualità già elevata ma è normale per un prodotto da quasi 300 Euro chiedere di essere superiore agli altri). Ma veniamo ai nostri test … da considerare che, come per gli altri video caricati, la risoluzione proposta su Youtube è Full HD mentre i video originali sono in 2K-Quad HD.

I video diurni presentano una buona nitidezza in qualità 2K-Quad HD: i movimenti appaiono lineari, idonei per ricostruire, ad esempio in caso di incidente, i movimenti della controparte. Si nota un disturbo nel solo zoom in profondità, merito del sensore CMOS a 4 Mpx; anche in lontananza (15 metri) è possibile leggere bene la targa di un veicolo (è comunque vero che, in caso di incidente, l’eventuale altro veicolo coinvolto si trova a brevissima distanza dalla telecamera, perchè deve prima colpire l’auto …). La distorsione (“fisheye”) è contenuta e poco invasiva rispetto ad altre dashcam.

qualità reale di un video risoluzione 2K-Quad HD (ripresa diurna)

I video notturni, come accade su tutte le telecamere, appaiono meno nitidi e più sgranati: l’effetto è comune a tutte le dashcam, dovendo lavorare in condizioni di luce “difficile”, con forti contrasti di chiaro/scuro (fari dell’auto). Le immagini dell’ambiente ripreso, grazie alla funzione HDR, sono comunque valide: è ben visibile la strada ed il contesto immediatamente davanti il veicolo, così come è ben percepibile la segnaletica stradale presente (orizzontale, verticale, luminosa, …), ma non è possibile determinare la targa di un veicolo che si incrocia.

qualità reale di un video risoluzione 2K-Quad HD (ripresa serale/notturna)

Durante il test, che si è svolto su circa 500 km di strade ed autostrade italiane, ho avuto modo di notare come sulle strade con presenti discontinuità (avvallamenti, rattoppi, giunzioni, …), seppure ridotta al minimo la sensibilità del G-Sensor, durante la guida spesso la telecamera salvava il filmato come modalità “evento” (assimilabile cioè ad un sinistro od una collisione) a causa delle sconnessioni presenti sul manto stradale; in sé non è un problema assoluto ma merita una certa attenzione ed una ricalibrazione del G-Sensor per le strade italiane, perchè dopo 10 falsi allarmi la scheda di memoria interna si riempie di filmati bloccati e non vengono più salvati come “eventi” altre situazioni magari degne di nota.

qualità delle foto

Questa telecamera non consente di scattare istantanee (fotografie) e dunque non può essere utilizzata per scattare delle fotografie. E’ possibile comunque in fase di visualizzazione dei filmati tramite il programma Vico Player o Registrator Viewer ottenere un fermo immagine per salvare un’istantanea.

funzione Parcheggio

La modalità Smart Parking Surveillance è attivabile automaticamente ogni qualvolta il G-Sensor della telecamera non rilevi movimento da parte del veicolo per almeno 5 minuti e se viene installato la centralina  Vico Power Plus (per i veicoli con presa 12V “sottochiave”); se attivata si può scegliere tra la funzione “Smart Motion Detection”, cioè il motion detection, oppure la funzione “Smart Time-Lapse Video”, cioè il time lapse, che riduce la frequenza di cattura a 1 fps (oppure 1 fotogramma ogni 10 secondi o ogni minuto), risparmiando una notevole quantità di memoria. Di quest’ultima funzione ho già detto in precedenza i vantaggi e gli svantaggi.

installazione dashcam

Per questa tipologia di telecamera il montaggio avviene tramite un supporto biadesivo oppure la ventosa: rispetto ad altri, sono di buona qualità e facili da fissare. Inserita la scheda di memoria sulla telecamera, si collega poi lo spinotto del cavo di alimentazione alla presa 12V, si attende l’accensione della dashcam Opia2 e l’avvio automatico della registrazione.
Nel caso invece della centralina Vico Power Plus, questa deve essere cablata al veicolo in modo stabile: il collegamento da effettuare, sulla base delle istruzioni fornite da VicoVation prevede un collegamento all’impianto elettrico del veicolo  (ved. foto seguente), ma questo cablaggio richiede specifiche conformità.

Vico Power Plus: collegamento al veicolo

Vico Power Plus: collegamento al veicolo

centralina Vico Power Plus (accessorio a pagamento, non fornito con Opia2)

centralina Vico Power Plus

centralina Vico Power Plus

Si tratta di una centralina per dashcam unica nel suo genere, consente di alimentare correttamente le dashcam di VicoVation (ma vale anche per le altre dashcam), ma offre anche delle funzioni aggiuntive che altre centraline (ad es. quella di BlackVue Power Magic Pro) non hanno e cioè:

  1. protezione antiscaricamento della batteria del veicolo
  2. protezione da temperature ambiente eccessive
  3. timer per spegnimento dashcam
  4. protezione da sovracorrenti
  5. display luminoso
Protezione antiscaricamento della batteria del veicolo

Consente di impostare un controllo elettronico della tensione della batteria del veicolo nel quale è montata la dashcam Opia2, per evitare che la batteria si possa scaricare. Consente di fissare il valore minimo di tensione della batteria al di sotto del quale avviene lo spegnimento automatico della telecamera. I valori previsti sono 11,6-11.8-12-12.2-12.4 V nel caso delle autovetture ma si possono configurare anche per tensioni nominali di 24 V.

Protezione da temperature ambiente eccessive

Funzione unica, permette di impostare il valore massimo della temperatura massima dell’ambiente in  cui si trova la centralina oltre il quale avviene lo spegnimento automatico della telecamera. I valori previsti sono 50-55-60-65-70-75 °C. E’ particolarmente utile d’estate e per quei luoghi in cui la temperatura raggiunge valori molto elevati.

Timer per spegnimento dashcam

Consente di programmare lo spegnimento della telecamera dopo un tempo prefissato (2-6-12-24-48-72 ore); molto utile in quelle situazioni in cui è richiesto un monitoraggio per un lungo periodo tempo.

Protezione da sovracorrenti

Consente di proteggere la dashcam montata a valle da picchi di corrente tramite una protezione con fusibile da 2 A.

Montaggio centralina Vico Power Plus

Leggendo il manuale di installazione ed uso (in inglese, non è disponibile in lingua italiana), è previsto il cablaggio della centralina all’impianto elettrico del veicolo e la soluzione proposta nel manuale per collegare i cavi prevede una connessione posticcia alla scatola fusibili, come la seguente:

centralina Vico Power Plus: collegamento scatola fusibili

centralina Vico Power Plus:
collegamento scatola fusibili
(non consentito in Italia)

centralina Vico Power Plus: collegamento a massa del veicolo

centralina Vico Power Plus:
collegamento a massa del veicolo

Si tratta di un cablaggio non regolare, poichè volante e senza terminali stabili, che può provocare anche corto circuiti in caso di distacco di uno o più cavi. In alternativa è consigliabile il montaggio di “rubacorrente” con doppio portafusibile, tipo il seguente:

rubacorrente

rubacorrente

Dal punto di vista qualitativo e tecnologico si tratta di una centralina davvero ben costruita, che consente funzioni innovative, che giustifica ampiamente il prezzo (circa 70 Euro) di acquisto.
Analizzando la confezione anche in questo caso emerge come la marcatura CE e RAEE del prodotto non rispetti quanto indicato dalla direttiva europea EMC e dal D.Lvo RAEE italiano; inoltre in caso di collegamento non smontabile “a mani nude”, cioè senza l’uso di attrezzi (ad es. cacciavite), questa centralina deve essere omologata anche ai sensi del regolamento UNECE R10 versione 05, poichè si tratta di un componente elettronico aftermarket installato stabilmente su un autoveicolo; in assenza di tale conformità il prodotto non può essere utilizzato all’interno dell’Unione Europea. Ad oggi non risulta disponibile tale conformità.
Inoltre in questo caso è richiesta anche la conformità alla direttiva EN 50498-2010 (Compatibilità Elettromagnetica EMC — Norma di famiglia di prodotto per le apparecchiature elettroniche destinate all’installazione post vendita su veicoli), al momento non disponibile per questo prodotto.

manuale di uso e manutenzione Opia2

Nell’esemplare provato, fornito direttamente dal fabbricante VicoVation, viene fornito un libretto di istruzioni per l’uso, ben realizzato, con copertina lucida e pagine interne in stampa monocromatica (nera); le descrizioni sono tutte in lingua inglese (ad oggi non risulta disponibile il manuale in lingua italiana, peraltro obbligatorio per vendere in Italia questa dashcam), scritte con cura anche nei dettagli; sul sito del fabbricante VicoVation è possibile trovare lo stesso manuale in formato pdf così come eventuali aggiornamenti del firmware.
A parte la lingua (inglese) per il resto è veramente ben fatto e chiaro nelle spiegazioni (per chi conosce l’inglese).

riproduzione dei video

La riproduzione dei filmati può avvenire in diversi modi:

  • tramite dashcam mediante la funzione “Playback” presente sul menu
  • tramite pc con programma nativo dedicato Vico Player, semplice da usare (ho riscontrato però un errore sull’indicazione dell’unità di misura della velocità), oppure con il programma gratuito Registrator Viewer
  • con i classici programmi Windows Media Player, VLC Player, … perdendo però i parametri dinamici (accelerazioni, …) registrati dalla dashcam.

Con computer molto recenti (diciamo con almeno 4 GB di memoria RAM ed una scheda video dedicata da almeno 2 GB) la visione appare fluida, senza interruzioni o scatti; con computer meno prestanti è possibile una visualizzazione a scatti dei filmati dati l’elevato bitrate della risoluzione 2K-Quad HD.

impostazioni

Durante il test drive della dashcam Opia2 ho potuto costatare alcuni aspetti da migliorare che, presumo, il fabbricante VicoVation prenderà in considerazione per poter offrire anche in Italia un prodotto “premium” perfetto e completo.

  1. menu in lingua italiana: ho riscontrato molte traduzioni imprecise e talvolta fuorvianti, tali da impedire una corretta impostazione della dashcam, per cui ho utilizzato la dashcam con le impostazioni in inglese; è necessario rivedere sicuramente la terminologia utilizzata, perchè non corretta (un aggiornamento del firmware risolverebbe facilmente il problema)
  2. Time Lapse: utile come funzione in modalità parcheggio, si attiva automaticamente riducendo la frequenza. Peccato che sia impostabile solo a 1 fotogramma per 1 secondo/10 secondi/1 minuto, mentre in presenza di movimento con veicolo in sosta non ritorna in modalità normale
  3. LDWS e FCWS: funzioni disponibili sul processore Ambarella già a partire dalla serie A7, sono utili ma il più delle volte avvisano per spostamenti volontari di corsia oppure per veicolo che sopraggiungono dalla direzione opposta; inoltre il tono di avviso è elevato e talvolta mette “paura” mentre si guida. Ideale sarebbe poter regolare in modo autonomo il volume per questi avvisi. Trattandosi di ausili alla guida che dipendono da molti fattori esterni non si può chiedere certo la massima precisione: LDWS funziona anche correttamente mentre è successo, più volte che il FCWS avvisasse anche senza veicoli davanti
  4. G-Sensor e filmati “Evento”: la sensibilità del G-Sensor, anche regolato al minimo, determina una rapida saturazione della cartella “EMG” (dedicati ai filmati “Evento”) in poche ore; sentito anche il fabbricante VicoVation, viene riferito che quando viene totalmente riempita la cartella “EMG” si sovrascrivono i filmati “bloccati” più vecchi; disattivare il G-Sensor non sembra la soluzione corretta, vista l’utilità. Penso che una correzione della sensibilità della dashcam sia consigliabile e opportuna per le strade italiane che presentano condizioni spesso di scarsa manutenzione ma non tali da attivare di continuo la registrazione in modalità emergenza
  5. GPS logger: molto utile, anche se non indispensabile, per tenere traccia della posizione e della velocità del veicolo, viene fornito in una scatola con tanto di marcatura CE e RAEE (seppure di dimensioni inferiori a quelle previste per legge), ma non risulta ad oggi conforme alla direttiva per le apparecchiature radio vigente in Europa (direttiva RTTE 1999/5/CE), ragion per cui non sarebbe vendibile in Italia.
GPS mouse per dashcam Opia2

GPS mouse per dashcam Opia2
(non vendibile in Italia)

ricambi

VicoVation Co., Ltd, quale fabbricante di prodotti di fascia premium, offre i ricambi per i propri modelli di telecamere: guardando sul principali marketplace europei i prezzi non sono proprio economici ma sono in linea con la concorrenza. Interessante è il servizio di assistenza che VicoVation offre sul proprio sito (service.en@vicovation.com), che denota cura e rispetto verso i clienti e rivenditori.

prezzo al pubblico

Al momento del nostro test il prezzo della dashcam Opia2 variava a seconda del Paese europeo di acquisto, oscillando tra 250 Euro e 300 Euro, non essendoci in Italia un rivenditore ufficiale di VicoVation Co., Ltd; il prezzo non è proprio alla portata di tutti ma la qualità costruttiva c’è e di funzioni particolari ce ne sono in abbondanza (se abbinata alla centralina Vico Power Plus, circa 70 Euro), che possono rendere questo prodotto di interesse per chi di tecnologia se ne intende. Da rivedere, a mio giudizio, alcune piccole imperfezioni al firmware, che richiedere un’aggiornamento per essere venduta regolarmente in Italia.

Cosa manca:

Difficile trovare qualche difetto vero e proprio a questa telecamera, a parte le correzioni al firmware già segnalete. Per gli accessori opzionali (centralina Vico Power Plus e GPS mouse) vale quanto indicato in precedenza a proposito di omologazione ECE R10.05 e conformità CE direttiva RTTE.

Il nostro Giudizio Finale:

La dashcam Opia2 è una telecamera con risoluzione 2K-Quad HD, di dimensioni contenute, con display LCD 2″, in grado di gestiore schede microSD fino a 128 GB e può essere montata in un qualsiasi veicolo con parabrezza; è prodotta da VicoVation Co., Ltd, fabbricante taiwanese presente da anni nel settore.
La parte interna (chipset + sensore CMOS) è di qualità, con un obiettivo grandangolare da 160°, in linea con gli standard in uso per altri modelli.
La risoluzione video in 2K-Quad HD è di qualità, dando il meglio di sè di giorno.
Ben fatto il guscio esterno in plastica rigida, così come le finiture, anche se con un paio di viti a vista.
Interessante, ma non esente da miglioramenti, la commutazione automatica dalla modalità di registrazione normale a quella Smart Parking Surveillance che consente di risparmiare memoria in caso di sosta del veicolo, sempre che la telecamera sia alimentata anche a motore spento (in caso contrario interessante è l’uso della centralina Vico Power Plus, con però alcuni limiti normativi).
L’attuale gps mouse non potrebbe essere commercializzato all’interno dell’Unione Europea per l’assenza di conformità alla direttiva RTTE.

Il nostro giudizio (1-10, con 1=pessimo; 10=eccezionale):

estetica: 8

tecnologia: 10

facilità di montaggio: 9

facilità d’uso: 7 1/2

novità: 8 1/2

prezzo: 7 1/2

giudizio globale: 8 1/2

dashcam Opia2: giudizio finale positivo

dashcam Opia2: giudizio finale positivo

Share.

About Author

Appassionato del proprio lavoro, opera per la prevenzione e la sicurezza stradale da oltre un decennio. Convinto sostenitore della necessità di aiutare i conducenti prudenti a tutelarsi da quelli che credono di essere gli unici sulla strada e che non sanno cosa siano le regole ...

Leave A Reply

*

Il nostro sito utilizza cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione; proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo di cookie tecnici, analitici, terze parti e delle altre tecnologie descritti nella nostra cookie policy. Per maggiori dettagli e/o per modificare le tue impostazioni di utilizzo dei cookie clicca su Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi