segnale autovelox/telelaser poco visibile

0

Quando il segnale è nascosto … a rimetterci è sempre l’automobilista

Gallio (VI), 17 luglio 2015 – Appena si entra nel territorio del Comune di Gallio, provenienti da Asiago, tra i cespugli delle piante, è presente un cartello che difficilmente si può notare stante la copiosa vegetazione presente che ne occulta la visione. Il problema è che il segnale stradale nascosto è tra quelli “più temuti”, perchè ormai diffusissimo in ogni località, cartello “Attenzione! Velocità controllata elettronicamente”, che ricorda (per chi riesce a vederlo tra le foglie) che potrebbe esserci una postazione autovelox o telelaser nella via e, di conseguenza, di rispettare il limite di velocità presente, anche se la velocità deve essere sempre commisurata alle condizioni presenti e al limite presente, a prescindere dalla presenza o meno di una postazione di controllo.

Ecco il cartello in questione:

cartello autovelox nascosto

segnale indicazione controllo velocità (autovelox, telelaser, …) nascosto (Gallio, 17.07.2015)

che fotografato da vicino è:

zoom cartello autovelox nascosto

zoom segnale controllo velocità nascosto (Gallio, 17.07.2015)

A prescindere dalla necessità del diritto-dovere dell’Amministrazione Comunale di Gallio di tutelare l’incolumità pubblica sulla strada attraverso il rigoroso rispetto dei limiti di velocità, con controlli da parte della Polizia Locale, quello cha appare quanto meno discutibile sono le modalità con cui viene applicato, ovvero come viene segnalato il controllo, tale da alimentare alcune osservazioni, che se impugnate, possono annullare un eventuale verbale contestato per superamento dei limiti di velocità (art. 142 CdS).

Andiamo ad analizzare nel dettaglio “cosa non va”.

SEGNALETICA DA UTILIZZARE CON POSTAZIONI MOBILI DI CONTROLLO

Il Ministero dei Trasporti, con il parere MIT n. 972663 del 07 agosto 2008, chiarisce che il controllo elettronico della velocità effettuato dalla polizia stradale (intendendo con questo termine tutte le forze di polizia che svolgono servizi di polizia stradale, così come previsti dall’art. 11 del Codice della Strada, ivi compresa la polizia locale) con postazioni mobili (cioè con apparecchiature che si possono spostare, ovvero i classici autovelox e telelaser) deve essere preventivamente segnalato agli automobilisti con segnali temporanei o dispositivi luminosi installati a bordo dei mezzi (di questi ultimi la diffusione è pressochè insignificante).

Fin qui nulla di anormale ma è la parte successiva ad essere più interessante, nella quale viene ribadito come l’utilizzo generalizzato di segnaletica permanente (cioè installata stabilmente, ad es. su una palina, come in questo caso) anche per evidenziare postazioni mobili di controllo deve essere vietato per evitare di ingenerare confusione negli automobilisti; più precisamente il Direttore Generale per la Sicurezza Stradale -Divisione II – del DTT, dott. ing. Mazziotta, indica come l’adozione di segnaletica permanente anche per postazioni di controllo temporanee, ancorché non vietata dalle vigenti disposizioni, risulta tuttavia non coerente con la tipologia utilizzata, e con l’esigenza di credibilità alla quale la segnaletica deve in generale rispondere. Si richiama, al riguardo, il paragrafo 5.3.3 della Direttiva Ministeriale 24.10.2000 “Sulla corretta ed uniforme applicazione delle norme del Codice della Strada in materia di segnaletica e criteri per l’installazione e la manutenzione”, che stigmatizza l’impiego superfluo di segnali su qualsiasi tipo di strada, laddove la corretta tecnica di installazione richiede che sia posto in opera esclusivamente il segnale del tipo richiesto dalla situazione che si intende segnalare.
Nel caso in argomento, relativo alle postazioni di controllo temporanee, peraltro, appaiono più indicati i dispositivi di segnalazione luminosi installati a bordo dei veicoli utilizzati dagli organi di polizia stradale.“.

postazione mobile telelaser

postazione mobile telelaser
(foto di repertorio by Wikipedia.it)

SEGNALETICA CONFORME E BEN VISIBILE

Con la Legge 02 ottobre 3007 n. 160, all’art. 142 (“Limiti di velocità”) del Codice della Strada è stato introdotto il comma 6-bis:

“6-bis. Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel regolamento di esecuzione del presente codice. Le modalità di impiego sono stabilite con decreto del Ministro dei Trasporti, di concerto con il Ministro dell’Interno.”

Alcuni giorni dopo, la Circolare del Ministero dell’Interno n. 300/A/1/27773/101/3/3/9 dell’08 ottobre 2007 al paragrafo 3.1 ribadiva nuovamente l’obbligatorietà della visibilità delle postazioni di controllo e del loro presegnalamento e con nota n. 13 precisava le modalità di collocazione dei segnali stradali.

Riportiamo in sintesi il contenuto della nota 13:

“Secondo le disposizioni del decreto del MIT pubblicato sulla G.U.  n. 195 del 23.08.2007, le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità sulla rete stradale possono essere segnalate con segnali stradali di indicazione, temporanei o permanenti, segnali stradali luminosi a messaggio variabile, dispositivi di segnalazione luminosi installati a bordo di veicoli.

Caratteristiche dei segnali

  1. segnali stradali di indicazione, temporanei o permanenti, sono realizzati con un pannello rettangolare, di dimensioni e colore di fondo propri del tipo di strada sul quale saranno installati. Sul pannello deve essere riportata l’iscrizione “CONTROLLO ELETTRONICO DELLA VELOCITA'” ovvero “RILEVAMENTO ELETTRONICO DELLA VELOCITA'”, eventualmente integrata con il simbolo o la denominazione dell’organo di polizia stradale che attua il controllo
  2. […] omissis

Modalità di collocazione dei segnali

I segnali stradali ed i dispositivi di segnalazione luminosi devono essere installati:

  1. con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità;
  2. in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale predominante;
  3. la distanza tra i segnali o i dispositivi e la postazione di rilevamento della velocità deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi, in particolare è necessario che non vi siano tra il segnale e il luogo di effettivo rilevamento intersezioni stradali che comporterebbero la ripetizione del messaggio dopo le stesse e comunque non superiore a km 4.

I segnali stradali o i dispositivi non necessitano di ripetizione nè di indicazione di “FINE”.”

Dunque “cosa non va”?

  1. si utilizza un segnale verticale permanente per indicare una postazione mobile (perchè sono certo che fosse mobile? Basta guardare il video di seguito per capire che di postazioni fisse non vi è traccia …), nonostante il chiaro parere negativo da parte del Ministero dei Trasporti n. 972663 del 07 agosto 2008
  2. il segnale di indicazione della postazione di controllo non è visibile perchè è occultato dalla vegetazione, e non è possibile garantire il tempestivo avvistamento stante le foglie ed i rami presenti, violando i dettami di cui al comma 6-bis dell’art. 142 del CdS, come ribadito dalla Circolare del Ministero dell’Interno n. 300/A/1/27773/101/3/3/9 dell’08 ottobre 2007
  3. il segnale di indicazione della postazione di controllo reca l’iscrizione “ATTENZIONE VELOCITA’ CONTROLLATA ELETTRONICAMENTE” difforme e non regolamentare rispetto a quella prevista dal Ministero dell’Interno (“CONTROLLO ELETTRONICO DELLA VELOCITA'” oppure “RILEVAMENTO ELETTRONICO DELLA VELOCITA'”)
  4. l’eventuale postazione di controllo dovrebbe essere ubicata a brevissima distanza dal segnale di indicazione, stante la presenza, a breve distanza, di un’intersezione stradale (ved. video)
  5. la presenza di alcune intersezioni stradali in successione impongono l’obbligo della ripetizione del segnale stradale di indicazione ma ciò non avviene significando che il controllo è possibile solo nel tratto tra il segnale verticale e l’intersezione, ridotto dello spazio necessario a garantire il tempestivo avvistamento e, se del caso, a ridurre la velocità e cioè … è di fatto impossibile controllare la velocità in quel tratto, tra l’altro anche per l’assenza di area idonea al posizionamento della strumentazione (autovelox, telelaser, …).
  6. ma allora viene naturale da chiedersi il motivo dell’installazione di tale segnaletica: per scoraggiare eventuali automobilisti morigerati, lasciando invece impuniti quelli meno avezzi al rispetto delle regole.

Perchè le regole l’automobilista deve rispettarle, ma anche le Amministrazioni nel momento in cui decidono di installare della segnaletica, altrimenti la giustizia non è super partes, a difesa di chi le regole rispetta.

Ecco il video che riprende esattamente quanto presente al momento del transito:

 

 Come potersi tutelare?

La tecnologia che in questi casi può essere di aiuto si chiama dashcam (per le auto) ed action cam (per le moto e scooter), una piccola telecamera che registra quanto avviene davanti al veicolo, riprendendo anche la segnaletica stradale e quanto presente, potendo poi essere utilizzata per dimostrare quale fosse realmente la situazione della segnaletica, così da far valere le proprie ragioni. La dashcam è utile anche in caso di incidenti stradali, perchè consente di ricostruire la dinamica di un incidente, così come in caso di danneggiamenti del veicolo in sosta.

messaggio promozionale

Prendere una multa per eccesso di velocità non piace a nessuno … ma prenderla perchè il segnale non è visibile per incuria e/o non a norma fa ancora più rabbia, soprattutto quando non si riescirebbe a dimostrare le proprie ragioni, non avendo un video della reale situazione per difendersi nelle sedi opportune.

Come tutelarsi?

La soluzione è semplice:

Telecamera Difesa Automobilista

Telecamera Difesa Motociclista

Montare una Telecamera Difesa Automobilista o Motociclista richiede pochissimo tempo, ha un prezzo accessibile e conveniente, fornisce una sequenza video in alta definizione (Full HD), per ricostruire, con precisione, quanto accaduto e può essere utilizzata anche per dimostrare la dinamica di un sinistro, per consentire di attribuire le responsabilità a chi effettivamente ha cagionato il danno; in caso di fuga della controparte fornisce elementi essenziali per poter risalire all’autore (marca, modello, colore del veicolo, targa, …).

dvr con 1080p

immagine ripresa da una
Telecamera Difesa Automobista

ripresa con Telecamera Difesa Automobilista

immagine ripresa da una
Telecamera Difesa Motociclista

Disponibile in una ampia gamma di modelli, con montaggio a parabrezza, sullo specchietto retrovisore interno, con una o più lenti, per adattarsi alle esigenze di tutte le automobili, mentre per i motociclisti è disponibile con montaggio a manubrio o sul cupolino/parabrezza e waterproof (IP68).

Le dash cam Telecamera Difesa Automobilista e Motociclista sono importate e distribuite da:

telecamere difesa automobilistasoluzioni per la sicurezza di chi guida

tramite shop on line o vendita a domicilio con possibilità di prova, tutte con elevata risoluzione (Full HD e HD) per ottenere immagini nitide e precise in alta definizione.

guarda alcuni video:

icona youtube 

http://assistenzavideoauto.com

Share.

About Author

Appassionato del proprio lavoro, opera per la prevenzione e la sicurezza stradale da oltre un decennio. Convinto sostenitore della necessità di aiutare i conducenti prudenti a tutelarsi da quelli che credono di essere gli unici sulla strada e che non sanno cosa siano le regole ...

Leave A Reply

*

Il nostro sito utilizza cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione; proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo di cookie tecnici, analitici, terze parti e delle altre tecnologie descritti nella nostra cookie policy. Per maggiori dettagli e/o per modificare le tue impostazioni di utilizzo dei cookie clicca su Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi