Addio al contrassegno assicurativo dal 18 ottobre 2015

2

Cessa l’obbligo di esporre il contrassegno sul parabrezza

Il controllo avvviene telematicamente

dal 18 ottobre sparisce l'obbligo di esporre il contrassegno assicurativo

dal 18 ottobre 2015
sparisce l’obbligo di esporre il contrassegno assicurativo

 Da domenica 18 ottobre sparisce l’obbligo di esporre il contrassegno assicurativo sul parabrezza del proprio veicolo: a seguito della Legge 24 marzo 2012, n. 27 (dunque sono passati oltre 3 anni …),  del Regolamento del Ministero dello Sviluppo Economico con decreto 9 agosto 2013, finalmente da oggi non sarà più necessario esporre il tagliandino dell’assicurazione.

Perchè?

Uno dei principali problemi era la facilità con cui potevano venire falsificati (alterati o contraffati) i contrassegni, creando un danno non indifferente agli eventuali automobilisti in caso di incidente stradale.

Cosa cambia?

L’assicurazione del veicolo resta obbligatoria, solamente che per le nuove polizze stipulate, non verrà più consegnato il contrassegno ma solo il certificato assicurativo (che riporta i dati del contraente, del veicolo ed il numero di polizza). Il certificato dovrà essere conservato a bordo del veicolo, da esibire in caso di controllo di polizia stradale.

Dal punto di vista normativo, precisa il Ministero dell’Interno con circolare n. 300/A/7094/15/12479 del 15 ottobre 2015, l’art. 181 del Codice della Strada, che disciplina l’esposizione del contrassegno assicurativo, è inapplicabile. Cosa significa? Niente più multa sul parabrezza per non aver apposto il contrassegno valido.

Come controllare se un veicolo è assicurato?

Il controllo della copertura assicurativa (r.c. auto) da parte delle forze di polizia può essere eseguito telematicamente accedendo alla banca dati del Dipartimento dei Trasporti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che fornisce, in tempo reale, i dati dell’assicurazione del veicolo; anche la banca dati ANIA consente di verificare l’effettiva copertura assicurativa del veicolo.

Il controllo della copertura assicurativa (r.c. auto) da parte del cittadino invece può essere eseguito gratuitamente tramite:

app iPatente del Dipartimento dei Trasporti - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

icona dell’app iPatente

In entrambi i casi il cittadino inserendo la targa del veicolo, senza spazi tra i caratteri, potrà sapere in tempo reale se un veicolo è assicurato o meno.

I casi possibili sono 2:

Portale dell'automobilista: esempio di visura veicolo assicurato

Esempio di visura veicolo assicurato

Portale dell'automobilista: esempio di visura veicolo non assicurato

Esempio di visura veicolo non assicurato

Cosa va conservato in auto?

Deve essere sempre portato al seguito il certificato di assicurazione poichè all’interno sono contenute delle informazioni necessarie, in particolare in caso di sinistro stradale: il nome della Compagnia, l’eventuale agenzia, il numero di polizza, la decorrenza, la scadenza, il contraente, tutte informazioni che altrimenti non sono immediatamente disponibili.

L’assenza del certificato assicurativo, in caso di controllo di polizia stradale, è sanzionato ancora dall’art. 180, commi 1 e 7, del C.d.S. con obbligo di esibizione successiva del documento presso un ufficio di polizia. La sanzione amministrativa ammonta a 41,00 Euro se pagata entro 60 giorni, 28.70 Euro se pagata entro 5 giorni dalla contestazione della violazione.

Vuoi maggiori informazioni?

L’ANIA, l’associazione che riunisce le principali Compagnie di Assicurazione operanti in Italia, ha creato un’interessante brochure che, con linguaggio chiaro e semplice, spiega queste novità.

ANIA addio tagliando di carta

Addio tagliando di carta (fonte ANIA)

link per scaricare la brochure informativa: clicca qui

Riferimenti normativi:

circolare Ministero dell’Interno – Dipartimento Pubblica Sicurezza 300/A/7094/15/124/9

Share.

About Author

Appassionato del proprio lavoro, opera per la prevenzione e la sicurezza stradale da oltre un decennio. Convinto sostenitore della necessità di aiutare i conducenti prudenti a tutelarsi da quelli che credono di essere gli unici sulla strada e che non sanno cosa siano le regole ...

2 commenti

  1. Non ho trovato alcuna informazione circa la validita, nel recarsi all estero,delll abolizione del contrassegno assicurativo sul parabrezza. Potete illuminarmi?

    • Buongiorno,

      sull’articolo da me già pubblicato alla pagina http://dashcamitalia.it/blog/facciamo-chiarezza/addio-contrassegno-assicurativo/ è presente un link per scaricare la brochure informativa realizzata dall’ANIA, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici; a pag. 12 della stessa trova la risposta alla sua domanda, ovvero obbligo di avere a bordo il certificato assicurativo in corso di validità per l’Unione Europea più Andorra, Svizzera e Serbia, mentre negli altri casi servirà avere la carta verde.

      Cordiali saluti.

Leave A Reply

*

Il nostro sito utilizza cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione; proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo di cookie tecnici, analitici, terze parti e delle altre tecnologie descritti nella nostra cookie policy. Per maggiori dettagli e/o per modificare le tue impostazioni di utilizzo dei cookie clicca su Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi